Fondazione San Giuseppe Calasanzio
PORTOGRUARO

Riflessione sulla Guerra

Multimedia Bibliografia Sitografia

PROGETTO PER UNA GRANDE RIFLESSIONE SULLA GUERRA

La scintilla: «Come dimenticare la visione tragica di quel telegrafista del Genio, armato ancora, con tascapane e giberna, seduto sui gradini del. nostro Duomo, insensibile al vento e alla pioggia, che pareva in quei giorni maledizione di Dio, accasciato, colla testa fra le mani ed í gomiti sulle ginocchia, collo sguardo attonito dell'assente a tutto ciò che lo circondava, forse dominato dall'idea fissa di rovina e di morte che gli flagellava l'animo. E le turbe passavano come attraverso ad un caleidoscopio infernale. Erano orge di soldati deliranti; frotte doloranti di profughi con donne e bambini, curvi sotto la pioggia e sotto i fardelli dí cenci; branchi, allampanati e straziati di militari malati o feriti, smunti, febbricitanti, tante volte preceduti da un ufficiale medico; tutta gente cacciata dagli Ospedali, avanzati per non farli rimanere nelle mani del nemico, qualche cosa insomma di tragico, d'inenarrabile».[1] Qualcuno si chiedeva, com’è possibile che nel 1914 possa succedere tutto questo e con una tale barbarie. Esattamente come si è sentito dire con stupore da più parti dopo il 24 febbraio 2022 quando la Russia invadeva l’Ucraina. 
Una grande riflessione
 s’impone per comprendere questo lato oscuro della natura umana, qual è o quali sono le leve che muovono un paese contro un altro popolo.  L’idea è quella di non fermarsi alla contingenza attuale ma ampliare lo sguardo per comprendere il fenomeno da vari punti di vista.
[1] Il Calasanzio di Portogruaro da Asilo Infantile a Fondazione: 1920 – 2020, pag. 21.

Le idee di base sono presenti nella seguente bozza

Scarica documento (pdf)
vai su ^

Multimedia

Il sangue e la Parola, di Nicola Piovani, 
Canale Youtube della Fondazione Calasanzio - Portogruaro

“I popoli hanno vinto l’imbianchino (Hitler),
ma ora non dormite sugli allori
e non pensate solo ai fatti vostri:
il ventre da cui è venuto fuori
è ancora gravido di mostri”
 
Berthold Brecht
IL SANGUE E LA PAROLA
 NEL SITO
Il Sangue e la parola
 su youtube
vai su ^

Bibliografia

STEFAN ZWEIG, Il mondo di ieri, 1944
HANNAH ARENDT, La banilità del male
PRIMO LEVI, I Sommersi e i Salvati
Nadežda Mandel'štam, Le mie memorie, Milano, Garzanti, 1972
SPENGLER OSWALD, Il tramonto dell'Occidente, Parma, Ugo Guanda Editore,1978
FREUD SIGMUNDConsiderazioni attuali sulla guerra e la morte, Roma, Edizioni Studio Tesi, 1991
JÓZEF CZAPSKILa terra inumana, Milano, Adelphi, 2015
VASILIJ GROSSMAN, Vita e destino, Milano, Adelphi , 2022
VASILIJ GROSSMAN, Stalingrado, Milano, Adelphi , 2022
FORNARI FRANCO, La psicoanalisi della guerra, Milano, Feltrinelli, 2023
EDGAR MORIN, Di guerra in guerra. Dal 1940 all'Ucraina invasa, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2023
 GALIA ACKERMAN, STÉPHANE COURTOIS, Il libro nero di Putin, Milano, Mondarori, 2023  

vai su ^